Lo Stato non pensa al futuro dei giovani