Costretti ancora una volta a puntare i riflettori su IMT